Skip to content


Il nostro 11 settembre

Gino-Lucetti-Porta-Pía-1926_-01-Alle ore 10.20 di sabato 11 settembre 1926, sul piazzale di Porta Pia a Roma, un anarchico, Gino Lucetti esce dal riparo che si era scelto dietro ad un chiosco di giornali e lancia una bomba, contro l’automobile su cui viaggiava il dittatore, Benito Mussolini La bomba rimbalza sulla macchina ed esplode a terra. Lucetti venne arrestato e in commissariato dichiarò: «Non sono venuto con un mazzo di fiori per Mussolini. Ero intenzionato di servirmi anche della rivoltella qualora non avessi ottenuto il mio scopo con la bomba».

Venne processato nel giugno 1927 e condannato all’ergastolo (la pena di morte venne reintrodotta nell’ordinamento italiano solo in seguito). Con lui vennero condannati a vent’anni come complici anche Leandro Sorio e Stefano Vatteroni.

Gino Lucetti nacque il 31 agosto 1900 ad Avenza, frazione di Carrara. Durante la prima guerra mondiale presta il servizio militare nei reparti d’assalto, in seguito, come accadde ad una parte degli Arditi d’Italia, che poi furono il nucleo fondatore degli Arditi del Popolo, maturò una coscienza politica che lo portò ad opporsi al fascismo. Emigrò in Francia, entrando subito in contatto con le Legioni di Ricciotti Garibaldi, da cui rientrò nel 1926 con il proposito di attentare alla vita di Mussolini. Nel 1943, dopo 17 anni di detenzione, Lucetti fu liberato dagli Alleati ma morì poco dopo ad Ischia a causa di un bombardamento il 17 settembre 1943.

A Gino Lucetti sarà intitolata una Brigata partigiana anarchica, il battaglione Lucetti, che combatterà valorosamente nel carrarese.

Viva Gino Lucetti!

Posted in anarchismo.


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.