Skip to content


UNO DI MENO…

Oggi, su un giornale, è uscita la notizia della chiusura di un locale in centro storico a Giulianova. Chiedendo un po’ in giro, il locale in questione è quello che, una decina di giorni fa, è stato preso di mira dalle attenzioni di alcuni anonimi antifascisti. E questo perchè, il proprietario di tale locale, è un fascista che, tra l’altro, in passato si è reso anche responsabile di atti squallidi. Sulla verità della notizia giornalistica c’è sempre il beneficio del dubbio (trattandosi appundo di giornalisti e quindi inclini alla menzogna ed alla mistificazione). Ed in merito all’articolo del giornale abbiamo volutamente tralasciato nell’immagine tutta la parte riguardante le lamentele dei bravi e progressisti cittadini. Perchè il punto è proprio questo: se per giovani (e meno giovani a quanto pare) o pseudo alternativi, il cui scopo esistenziale pare esser diventantato “fare serata” senza sbattersene minimamente il cazzo se il luogo dove vanno è gestito da un fascista ed altre amenità; evidentemente per qualcun altro non funziona così. Evidentemente per qualcun altro esistono ancora valori, fortunatamente, che non si possono trascendere.
Chi sia stato quindi a fare quel piccolo sabotaggio al detto locale, non lo sappiamo nè c’interessa. Ma se ciò ha contribuito a farlo chiudere, non può che farci piacere. Con buona pace di tutti quei bravi cittadini, giovanotti alternativi o semplici indifferenti, per cui qualche bicchiere e un po’ di musica, valgono più di tutto. Più dell’antifascismo o dell’odio verso gli infami. Più di un etica di fondo, spossessata ormai, purtroppo, dal nulla in cui siamo immersi.

Posted in brevi locali.


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.