Skip to content


EPPURE NON VI INDIGNAVATE…

EPPURE NON VI INDIGNAVATE E NON AVETE MOSSO UN DITO…
per le violenze quotidiane che ognuno di noi subisce
EPPURE NON VI INDIGNAVATE E NON AVETE MOSSO UN DITO…
per i raid estivi delle guardie contro i migranti
EPPURE NON VI INDIGNAVATE E NON AVETE MOSSO UN DITO…
per la grave crisi occupazionale che sta colpendo il nostro territorio, che sta lasciando migliaia di persone senza lavoro e senza un futuro
EPPURE NON VI INDIGNAVATE E NON AVETE MOSSO UN DITO…
per le problematiche che migliaia di persone vivono per la casa, in seguito al sisma od alle difficoltà economiche
EPPURE NON VI INDIGNAVATE E NON AVETE MOSSO UN DITO…
per come c’hanno distrutto il nostro territorio, avvelenato le nostre acque, depauperato la nostra falda acquifera
EPPURE NON VI INDIGNAVATE E NON AVETE MOSSO UN DITO…
per la vita che ci rubano ogni giorno, le briciole che ci levano con la forza, le bastonate che ci danno se proviamo a reagire
EPPURE NON VI INDIGNAVATE E NON AVETE MOSSO UN DITO…
quando hanno incendiato uno spazio sociale, col serio rischio che si potessero far male persone ed un intero quartiere
EPPURE VI STATE INDIGNANDO E GRIDATE PAROLONI
per quattro scritte fatte durante il corteo, in una città i cui muri sono pieni di scritte e scarabocchi vari…
A CHI SI STA INDIGNANDO PER QUATTRO SCRITTE MA NON HA MAI MOSSO UN DITO PER LA VITA CHE CI LEVANO OGNI GIORNO
diciamo che questa mentalità è il tipico risultato di questa società che ci vuole isolati, indifferenti, egoisti, socialmente frammentati. Una società pronta a puntare il dito contro gli ultimi ed a generare una guerra tra i poveri, funzionale a chi comanda. Anche contro questa mentalità era il corteo di ieri… era per rompere il muro d’indifferenza che attanaglia la vita di molti…
“perchè quando il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito…”
CAMPETTO OCCUPATO
… NOI SIAMO FIGLI DELLE STELLE…

(Queste poche righe sono la nostra risposta alla canea che c’è in città sul corteo di ieri. A giorni usciremo con uno scritto più completo. Il mazzo di fiori nella foto è quello che stamattina abbiamo portato alla signora per lo spiacevole incidente di ieri sera all’ingresso di Corso Garibaldi, di cui ci siamo già scusati e le scuse sono state gentilmente accettate. E la signora, dopo il chiarimento c’ha salutato dicendoci: “Ragazzi…. sono con voi!”)

Posted in Campetto Occupato.


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.