Skip to content


Presentazione di Mastodon

“Siamo nella situazione in cui parlare di social network significa solo identificare i social network commerciali”, che “hanno acquisito un ruolo preponderante” nella comunicazione online, anche all’interno dei movimenti sociali, i quali “dopo la chiusura di Indymedia non sono stati capaci di proporre una piattaforma finalizzata all’open publishing non commerciale”. Ma “profilazione di massa, gamificazione, manipolazione delle informazioni e impossibilità della gestione dei propri contenuti sono solo gli elementi problematici maggiormente visibili” dell’uso di Facebook, Twitter &c. E allora perché non provare a ribaltare il tavolo?

E’ questa la considerazione che ha mosso “un gruppo di lavoro di hacktivist* e militant” provenienti da “centri sociali, circoli anarchici, esperienze sociali autogestite e hacklab”, alcuni provenienti proprio dall’esperienza di Indymedia, che a partire da un dibattito sviluppatosi “nelle assemblee del Circolo Anarchico C. Berneri di Bologna, dello spazio sociale Xm24, del collettivo HacklabBo e nelle discussioni della mailinglist Hackmeeting” hanno deciso di mettere in funzione un social network libero e autogestito.

Ne parliamo con il collettivo Bida a Giulianova alla Casa del Popolo

Posted in casa del popolo.


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.