Skip to content


Tanto per cambiare…

In seguito alla giornata di luglio, fuori il Tribunale di Teramo, ad un compagno, oltre la denuncia, è arrivato anche il foglio di via. Di quella giornata di assurde violenze poliziesche (assurde per come si son sviluppate, ma alla fin fine con ben poco da stupirsi conoscendo le carogne sbirresche…) vi avevamo già parlato.
Al racconto si deve aggiungere questa nuova misura della Questura teramana che si somma alla dozzina arrivata negli ultimi mesi.
Un altro foglio di via dunque, tanto per cambiare, e stavolta con le motivazioni addotte contro il compagno, oltre per quella giornata, per il fatto di aver partecipato ad un presidio fuori il carcere teramano in solidarietà ai detenuti.
Insomma, vedendo come la Questura si sta muovendo, da sempre, ma in particolare negli ultimi mesi, sembra proprio che la Repressione, in generale, come in situazioni territoriali, sia in una fase di forte attacco. Con la volontà di strocare sul nascere ogni forma di protesta o voce contraria.
Sta a noi, tutti e tutte, fare in modo che i loro piani non si realizzino e che vadano in malora.
Loro e la loro schifosissima repressione.

Posted in repressione.


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.