Skip to content


“Avviso Orale” per un compagno

Dopo i diversi fogli di via arrivati nell’ultimo anno tra Teramo e Giulianova, la Questura locale continua nella sua opera Repressiva, notificando l’Avviso Orale ad un compagno. L’Avviso Orale è una sorta di monito che le autorità fanno a chi da fastidio, su precedenti penali o anche semplici segnalazioni di polizia (con immense forzature), di “cambiare la propria condotta”. Pena la Sorveglianza Speciale, in cui vi sono i domiciliari notturni e tutta una serie di altre restrizioni tese a controllare, reprimere ed isolare l’individuo sottoposto. Negli anni sono stati diversi gli Avvisi Orali distribuiti dalla Questura teramana: a persone per i più svariati motivi, ma anche e soprattutto ad ultras e compagni. E, in passato, un compagno è stato anche sottoposto per un paio di anni alla Sorveglianza Speciale, a cui poi fu anche richiesta, senza esito. Ed anche un’altra compagna, solo per parlare delle nostre parti (perché purtroppo sono molti i casi), è stata sottoposta alla Sorveglianza speciale.
Con tali forme repressive, quel che si vuol colpire, è l’individuo in quanto tale, la sua condotta. Ed è quello che la Repressione intende isolare. Tant’è che chi è sottoposto alla Sorveglianza Speciale non può frequentare pregiudicati o stare in gruppi di più di cinque persone. Tali misure sono, in poche parole, “misure di sicurezza” tese ad individuare ed annientare ciò che da fastidio a quest’ordine prestabilito. Fondato sulla sopraffazione, l’ingiustizia e la sottomissione.
L’Avviso Orale è la prima minaccia, di questo percorso Repressivo della Sorveglianza Speciale, che lo Stato fa.
Sta a noi, non lasciarci intimorire dalle sue minacce ed efferatezze.
Sta a noi ragionare, organizzarci e controbattere alla morsa repressiva.
E sta a noi, soprattutto, esser solidali e complici con chi viene colpito da queste misure.

Posted in repressione.


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.