Skip to content


Un’udienza con Paska

Venerdì 8 febbraio c’è stata una nuova udienza del processo che vede accusati due compagni per la contestazione alla banda della Polizia, a Giulianova, di cui vi abbiamo già abbondantemente parlato. Uno dei due compagni è Paska e quindi l’udienza poteva essere un’occasione per salutarlo. La scorsa volta però, gli sbirri crearono un clima di tensione all’esterno del tribunale, arrivando a qualche parapiglia con i solidali venuti per l’occasione, con poi denunce e fogli di via che seguirono. Così stavolta si decide di non fare alcuna “chiamata” per l’udienza… ma la situazione in tribunale non è certo diversa: celere disposta all’esterno, controlli serrati all’ingresso e nessuna possibilità di entrare per i compagni.
La sera prima al Campetto Occupato si era fatta una cena benefit ed un dibattito per i compagni arrestati nell’operazione “Panico”. La mattina dell’udienza, arrivando in città a Teramo, si notavano i muri cittadini pieni di scritte e manifesti in solidarietà con Giova, Paska e Ghespe, contro la Repressione e contro l’attuale politica Reazionaria e Razzista.
In tribunale invece l’aria è come l’abbiamo descritta: gli sbirri impediscono a chiunque di entrare e, tramite l’avvocato che chiede spiegazioni al giudice, si viene a sapere che per lui l’udienza era pubblica e quindi, la decisione di non far vedere facce amiche a Paska in aula, è stato solo un puntiglio ed un’infamia della Questura. Ovviamente, il giorno seguente, i giornali titoleranno “Tribunale blindato per gli Anarchici”, senza dire, in alcun modo, che il clima è stato creato e gestito appositamente dalle forze dell’ordine, per impedire ogni contatto col nostro compagno.
L’udienza specifica, poi, seguirà il solito copione: la testimonianza di un poliziotto della stradale che si inventerà resistenze varie dei compagni durante la contestazione e la testimonianza di una persona qualunque che contradirà nettamente la versione della guardia.
Anche in aula il clima è teso: attorno a Paska la polizia penitenziaria fa una sorta di cordone ed impedisce, anche dichiarandolo a brutto muso, qualsiasi contatto con l’altro compagno. Comunque Paska è sembrato in forze, anche se la carcerazione dura in 14 bis, non deve essere certamente facile e semplice da affrontare. Così come le ore da farsi in blindato per affrontare questi lunghi spostamenti. Al riguardo, i giorni successivi, verremo a sapere, che per tale udienza, il nostro compagno si è dovuto subire 16 ore di viaggio, tra andata e ritorno, in una condizione, come quella di un blindato della penitenziaria, che lasciamo immaginare a tutti quanto sia dura.
Ed è stato quindi riportato a La Spezia.
La volontà degli sbirri, anche a sto giro, è stata quella di non farci rivedere e salutare un nostro compagno e fratello recluso. Ma lui sa che ci siamo, e mai lo lasceremo solo nelle mani del nemico a combattere contro la violenza e l’infamia della reclusione.
E ci saremo sempre!
Pierloreto Fallanca
Casa circondariale
piazza Falcone e Borsellino n. 1
19125 LA SPEZIA

Posted in anticarceraria.


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.